Home » Stuzzicare la mente e nutrire gli occhi: a Padova arte e scienza si incontrano

Stuzzicare la mente e nutrire gli occhi: a Padova arte e scienza si incontrano

di Elisabetta Roncati
l'occhio in gioco padova

In occasione degli ottocento anni dell’Ateneo cittadino la mostra “L’OCCHIO IN GIOCO. Percezione, impressioni e illusioni nell’arte” ci svela come geometrie e colori creino mondi fantastici.

l’occhio in gioco padova

“Andare oltre”: questo potrebbe essere il leit motiv dell’esposizione, visitabile fino al 26 febbraio 2023, a Palazzo del Monte di Pietà, nel cuore del centro storico padovano. E per farlo non occorrono tecnologie di ultima generazione o viaggi online in altre dimensioni, come il metaverso.

Bastano colori e geometrie, sapientemente dosati e mixati in modo tale da ingannare anche gli osservatori più attenti. E questi “super poteri” li conoscevano bene già artisti, alchimisti e filosofi dei tempi lontani, come testimoniano le antiche miniature, le mappe celesti e le sfere armillari esposte nella sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

l’occhio in gioco padova

l'occhio in gioco padova
Stuzzicare la mente e nutrire gli occhi: a Padova arte e scienza si incontrano – Percorso espositivo Ph: Andrea Verzola

Un progetto espositivo che ha coinvolto ben cinque curatori: Luca Massimo Barbero, Guido Bartorelli, Giovanni Galfano, Andrea Bobbio e Massimo Grassi.

Si inizia infatti dalla parte storica del viaggio tra arte, psicologia e scienza, ovvero dalla raffigurazione del cosmo nel tardo Medioevo e primo Rinascimento, passando poi agli studi di Goethe, Runge e Henry, alle ricerche sulla percezione visiva di Georges Seurat e Wassily Kandinsky, di Paul Klee e Umberto Boccioni, fino ad arrivare al Bauhaus e proseguire poi con Alexander Calder, Bruno Munari, Marcel Duchamp, Victor Vasarely e molti altri.

Ciò che si propone ne “L’OCCHIO IN GIOCO” non è uno stringente percorso espositivo organizzato cronologicamente, bensì una full immersion anche corporea che dimostra le affinità che collegano opere distanti nel tempo.

l’occhio in gioco padova

l'occhio in gioco padova
Stuzzicare la mente e nutrire gli occhi: a Padova arte e scienza si incontrano – Umberto Boccioni: Bozzetto per La città sale, 1910 Milano, Pinacoteca di Brera © Pinacoteca di Brera, Milano

A guidarci sono sempre il movimento, il colore, la percezione, la prospettiva, la geometria ed i labirinti ottici che ci conducono fino alla contemporaneità più stringente con l’album “Space Oddity” di David Bowie e “Random Triangle Mirror” dell’artista Anish Kapoor.

Ammirando le opere esposte e lasciandosi guidare dall’allestimento coinvolgente si procede in un’esperienza totalizzante che stuzzica non solo la vista, ma tutti e cinque i sensi.

Non a caso molte installazioni si possono accendere e “testare”.

Merito anche della lunga tradizione di studi e sperimentazioni condotti, già a partite dal 1919, dalla scuola di psicologia della percezione dell’università degli Studi di Padova.

mostre a Padova

l'occhio in gioco padova
Stuzzicare la mente e nutrire gli occhi: a Padova arte e scienza si incontrano – Percorso espositivo Ph: Andrea Verzola

Proprio nel solco dell’indagine del rapporto tra arte e scienza, inaugurata nel 2017 con la mostra “Rivoluzione Galileo, l’arte incontra la scienza”, la seconda e terza parte di visita nei piani superiori del Palazzo propongono l’analisi delle fondamenta teoretiche dell’utilizzo di colori, geometrie e ritmo per ”ingannare” l’occhio umano distorcendo e ridisegnando la realtà.

Questa propensione anche accademica alla ricerca nel campo della visione ha oltretutto contribuito a stimolare, a partire dagli anni Sessanta del Novecento, un ambiente artistico-culturale d’avanguardia proiettando Padova e i suoi creativi sulla scena internazionale. In mostra viene quindi presentata un’accurata selezione di documenti e studi accademici del Gruppo N, costituito proprio in città da Alberto Biasi, Ennio Chiggio, Toni Costa, Edoardo Landi e Manfredo Massironi, oltre ad opere di Marina Apollonio.

arte a padova

l'occhio in gioco padova
Stuzzicare la mente e nutrire gli occhi: a Padova arte e scienza si incontrano – Toni Costa, “Monotipo”, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo

Un ampio approfondimento monografico che ripropone ambienti ed allestimenti dell’epoca assieme a ideazioni della scuola universitaria di psicologia della percezione a firma di Cesare Musatti, Fabio Metelli e Gaetano Kanizsa. In particolare sono esaminati i loro principali temi di studio e i rapporti fra la loro ricerca scientifica e quella artistica delle avanguardie ottico-cinetiche.

Dunque un magico caleidoscopio di stimoli che si dipana in un percorso estremamente dettagliato ed accurato dal punto di vista artistico e con prosecuzioni anche al di fuori del Palazzo Monte di Pietà.

Visitando la città di Galileo, infatti, si potranno ammirare cinque grandi installazioni: una spirale di 5 metri di Marina Apollonio nel cortile antico del Bo, un’opera di Alberto Biasi dal titolo “Tu sei” all’interno del Museo di Storia della Medicina di Padova (MUSME) e tre opere di Edoardo Landi (“Quadrato Cinevisuale” e due “Ipercubi virtuali”) all’Orto Botanico di Padova.

l’occhio in gioco padova

l'occhio in gioco padova
Stuzzicare la mente e nutrire gli occhi: a Padova arte e scienza si incontrano – Marina Apollonio, installazione nel cortile del Bo Ph: Andrea Verzola

Ovviamente con il biglietto della mostra sarà possibile accedere al MUSME e all’Orto Botanico con tariffa ridotta e viceversa.

Insomma una stupenda occasione per regalarsi un pomeriggio diverso dall’ordinario durante il Ponte dell’Immacolata.

“L’OCCHIO IN GIOCO. Percezione, impressioni e illusioni nell’arte”
Padova, Palazzo del Monte di Pietà
24 settembre 2022 – 26 febbraio 2023

www.palazzodelmontepadova.com

Lun.-Ven. 9.00-19.00
Sab.-Dom. e festivi 9.00-20.00
Intero: 12 ,00 Euro
Ridotto: 9,00 Euro
Biglietto cumulativo intero per mostre “Robert Capa” a Roverella + “L’Occhio in Gioco” a Palazzo Monte di Pietà Padova: 15,00 Euro
Biglietto cumulativo ridotto per mostre “Robert Capa” a Roverella + “L’Occhio in Gioco” a Palazzo del Monte di Pietà Padova: 11,00 Euro

Related Articles

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Accetta Cookies Leggi di più

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale per non perdere mai le novità di Art Nomade Milan!