Home » “Vietato l’ingresso”: chiuse le votazioni per il camerino preferito dal pubblico

“Vietato l’ingresso”: chiuse le votazioni per il camerino preferito dal pubblico

di Elisabetta Roncati
Vietato l'ingresso

Domani sapremo quale rifacimento è stato scelto dai milanesi 

Vietato l’ingresso

Si sono concluse Lunedì 27 Settembre le votazioni online per decidere quale trasformazione sia stata preferita dai moltissimi visitatori che in queste settimane sono passati a trovare gli amici del Teatro degli Arcimboldi.

Vietato l’ingresso”, il grandioso progetto ideato da Giulia Pellegrino, ha coinvolto ben 17 studi dell’interior design che, pro bono, hanno messo mano ai camerini della struttura, coadiuvati da moltissimi partner tecnici.  

Normalmente il backstage non è un luogo accessibile al grande pubblico, ma è proprio dietro il palco che ha origine la magia che si svilupperà in sala. Il nome dato all’idea gioca proprio su questa sorta di inaccessibilità per diffondere la “luce” della condivisione, dell’inclusività e dell’aiuto reciproco.  

Una bella dimostrazione di sostegno per un’importante realtà culturale duramente colpita dalle chiusure dovute alla pandemia, come quasi tutti i soggetti coinvolti nel settore degli spettacoli dal vivo.  

Vietato l’ingresso

Vietato l'ingresso
“Vietato l’ingresso”: chiuse le votazioni per il camerino preferito dal pubblico – BDGS e Daniela Volpato Camerino 1 “Prima della prima”

Nel pieno della seconda ondata ho avuto il piacere di intervistare il direttore artistico del Teatro, Gianmario Longoni, che ci aveva raccontato come Showbees, nuovo gestore subentrato ad inizio 2020, non si fosse perso d’animo seppur tra mille difficoltà. 

Si è infatti puntato da subito sull’arte e sulla cultura prima con le mostre “Claude Monet – The Immersive Experience” ed “Unknown Street Art Exhibition“, che occupavano spazi ancora una volta poco accessibili al pubblico, come il palcoscenico. Entrambe hanno riscosso un notevole successo.

Uno dei leitmotiv che hanno animato le attività dell’ultimo anno è stato il rapporto con la collettività, in primis gli abitanti del circondario. Da sempre il Teatro degli Arcimboldi mira a diventare un polo socio culturale per il quartiere Bicocca nel quale è inserito.  

Contemporaneamente sui canali social del Teatro è stata lanciata l’iniziativa FACCIAMO #TAMTAM: un palinsesto di approfondimento concepito proprio per rinnovare lo scambio e il dialogo con il pubblico. Incontri settimanali in diretta, approfondimenti, talk e contenuti speciali che hanno visto protagonisti autori, artisti e maggiori esponenti del teatro, dell’arte e della musica per analizzare, approfondire, creare e far circolare nuove chiavi di lettura e di interpretazione del presente ed idee per il futuro. 

Arcimboldi

Vietato l'ingresso
“Vietato l’ingresso” chiuse le votazioni per il camerino preferito dal pubblico – Calvi Ceschia Viganò Camerino 3 “Diorama”

Tutti gli sforzi profusi a favore della collettività sono stati ricompensati, come testimoniato dalla grande affluenza di pubblico durante i giorni di visita ai camerini rinnovati.  

Infatti, la struttura teatrale è stata inserita nel circuito degli eventi del Fuorisalone e, ad inizio mese, la cittadinanza è stata invitata, gratuitamente e previa prenotazione, a visitare di persona gli spazi ammodernati, votando online il proprio preferito. 

Nei primi giorni di apertura le registrazioni sono state migliaia, con molti slot totalmente sold out.  

Il bis è stato poi concesso la settimana successiva, durante la cosiddetta Art Night di Sabato 18 Settembre, quando i camerini potevano essere visti fino a sera inoltrata. 

Dunque un concetto di cultura a tutto tondo, partito dalle mostre immersive, proseguito con gli incontri digitali e terminato con un intervento a cavallo tra design ed arte visuale.  

Vietato l’ingresso

Vietato l'ingresso
“Vietato l’ingresso”: chiuse le votazioni per il camerino preferito dal pubblico – Caterina Steiner e Paolo Volpato Camerino 5 “Chi è di scena!”

Gli spazi, infatti, sono delle vere e proprie “chicche”, ognuno differente dall’altro con richiami a giochi visivi (utilizzo di specchi), tessili e tendaggi preziosi, luci scenografiche e rimandi all’arte scultorea. 

Lo studio che risulterà vincitore, come verrà ricompensato?

Naturalmente con la riprogettazione del Camerino Muti, dedicato al celebre Maestro d’orchestra che per primo lo inaugurò all’apertura del teatro: 40mq che hanno ospitato e ospiteranno le più grandi star dello show business nazionale e internazionale da Roberto Bolle a Sylvie Guillem, da Ludovico Einaudi a Paolo Conte, da Bob Dylan al Dalai Lama, da Sting a Sir Elton John, da Liza Minelli a Burt Bucharach e tantissimi altri.

Dunque, che vinca il migliore!!!!  

Related Articles

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Accetta Cookies Leggi di più

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale per non perdere mai le novità di Art Nomade Milan!